Toccare il cielo con le mani

04 Apr
2017

Chi l’ha detto che un cieco non possa ammirare le stelle? A Latina un’associazione lancia la sfida di creare nuovi strumenti che permettano di "osservare" gli astri anche a chi non può vedere. E lo fa con l’aiuto di un maggiore dell’aeronautica in pensione, che ha deciso di rendere accessibile a tutti la contemplazione dei corpi celesti

di Elisabetta Proietti

«Per quanto difficile possa essere la vita, c’è sempre qualcosa che è possibile fare. Guardate le stelle invece dei vostri piedi». Il pensiero di Stephen Hawking ben si addice all’esperienza che muove il progetto "Le stelle per tutti - La rete degli astrofili, degli osservatori e dei planetari per la solidarietà sociale", che punta a rendere l’astronomia e la visione del cielo una scienza accessibile: anche a chi, per minorazione della vista o cecità, fino a ieri i fenomeni celesti poteva solo immaginarli e a chi, disabile in carrozzina, un telescopio pensava di poterlo vedere soltanto da lontano. Grazie all’impegno della Uai (Unione astrofili italiani), il progetto è approdato al ministero del Lavoro e delle politiche sociali che lo ha co-finanziato con 30mila euro nell’ambito della legge 383/2000, linee di indirizzo 2015.

L’ideazione si deve ad Apa-Lan (Associazione pontina di astronomia di Latina, Anzio e Nettuno), che alla Uai aderisce: in particolare ad Andrea Miccoli, maggiore dell’aeronautica in pensione. Miccoli ha lavorato come tecnico elettronico di bordo e con i radar: ora le sue alte competenze elettroniche, meccaniche e idrauliche le mette a disposizione di tutti. «Mi sono messo a fare astronomia didattica - racconta -, a creare e portare nelle scuole strumenti che non esistono altrove». Ma, se «la passione è innata», non tutti hanno l’opportunità di assecondarla. «Non ho parenti, amici o colleghi ciechi, però mi sono chiesto spesso come potevo portare il cielo a chi non può vedere». Così nel 2009, anno internazionale dell’astronomia, Miccoli bussa alle porte dell’Unione dei ciechi e ipovedenti di Latina. La proposta di avere tra le mani strumenti in grado di spiegare la rotazione terrestre, l’alba e il tramonto, l’eclissi, le stagioni e perché la stella polare è ferma «accese di entusiasmo la presidente e i soci. Così solo pochi mesi dopo fu organizzato il primo corso di astronomia per non vedenti».

Da allora non ci si è più fermati e, dopo l’ultimo corso residenziale a Latina dell’estate scorsa che ha coinvolto otto persone (e in attesa del prossimo che, sempre nella città laziale, si terrà dal 28 agosto al primo settembre 2017), ne è stato organizzato un altro a Cuneo dal 7 al 9 aprile, aperto a un numero doppio di partecipanti. Mai un numero troppo alto però, perché ogni corsista deve poter sperimentare tutto quanto viene proposto: «Ognuno deve toccare e capire. Gli strumenti sono grandi o piccoli, alcuni sono descrittivi come il mappamondo e la luna con i nomi dei crateri e i luoghi dell’allunaggio scritti in Braille. Si sperimentano le quattro dimensioni, la quarta è il tempo - prosegue l’ex maggiore -. Non metto nelle mani dei partecipanti un plastico statico, ma strumenti in movimento grazie a motorini che realizzano, per esempio, il solstizio d’estate o la rotazione dell’asse terrestre. Mentre le mani lo seguono, il fenomeno avviene. I moti celesti - aggiunge Miccoli, con voce piena di emozione - avvengono nelle loro mani».

 Ecco allora il rotogeo, il sistema solare in scala, l’orbita Braille, i raggi solari che mostrano gli equinozi, l’eliogiro, il sole e l’ombra della terra. Gli strumenti di Apa-Lan parlano di oggetti riciclati come i lampioni tondi da giardino tagliati per ospitare la sfera celeste con lo zodiaco, di materiali come la vernice al piombo usata con una siringa ad ago sottile per circondare i crateri lunari in modo da renderli riconoscibili al tatto. Parlano di passione e sensibilità, quella di chi, «anche se in materia di disabilità non avevamo conoscenze», ha imparato a scrivere in Braille e ad adattare telescopi per chi è su sedia a ruote: «Abbiamo allungato l’oculare grazie a un tubo di lunghezza variabile attaccato al telescopio: la focale arriva lo stesso e anche un disabile motorio può ammirare Saturno o la luna».

Viene da chiedersi se il progetto "Le stelle per tutti" ha eguali in Europa. «Secondo le nostre ricerche, non esiste nessuno strumento di questo tipo», afferma Miccoli, al quale l’European Blind Union di Parigi ha chiesto di realizzarne alcuni per loro. E se gli si chiede di eventuali brevetti, l’ex maggiore è categorico: «Chiunque voglia gli strumenti è libero di costruirli, basta non impedire la realizzazione: il mio è solo un punto di partenza».

«È la prima volta che mettiamo a sistema queste esperienze», spiega in rappresentanza della Uai Cesare Pagano, membro del gruppo di coordinamento del progetto. Riferimento per astrofili e appassionati, la Uai ha al suo attivo ricerche e pubblicazioni, 2mila soci e 200 associazioni aderenti sul territorio nazionale. Fedele al suo ruolo di «catena di trasmissione tra mondo scientifico e cultura scientifica diffusa», con il progetto "Le stelle per tutti" centra l’obiettivo di rendere l’astronomia alla portata di ciascuno. Tra le azioni previste c’è la formazione alle delegazioni Uai per riuscire a fare opera di divulgazione tra persone con disabilità diverse, saper organizzare l’accessibilità degli star party della solidarietà (serate per ammirare le stelle) e adattare gli strumenti. In calendario appuntamenti tra aprile e maggio nelle piazze e negli ospedali per ricoverati, corsi residenziali per ciechi e ipovedenti e infine, a giugno, "Il cielo a portata di mano", giornata nazionale degli osservatori aperti.

Per maggiori informazioni: www.uai.it/stellepertutti e www.astronomiapontina.it. Foto: associazione Apa-Lan.

 

L’esperienza di Ada

«Quando con le sue mani ha portato il sole a tramontare, Lucia si è fermata. Silenzio. E sgomento». Così dall’associazione Apa-Lan raccontano l’emozione della presidente dell’Uici di Latina durante le "osservazioni" astronomiche. La stessa emozione riferisce la corsista Ada Nardin: «È come se avessimo conquistato, passo dopo passo, un pezzo di cielo». Ada è una giovane donna non vedente, anzi "luci e ombre", spiega: non una cieca assoluta, ma con una percezione visiva talmente bassa da richiedere gli stessi ausili. Impegnata su diversi fronti - dalla cooperazione internazionale con l’aeronautica militare al baseball, che pratica in una squadra milanese -, fa sapere che una persona "luci e ombre" può percepire la luna ma non il firmamento stellato. E in una situazione di cielo particolarmente buio, sul massiccio del Gennargentu, in Sardegna, ha potuto osservare il chiarore di Marte. Poi è arrivato il corso con Andrea Miccoli e «ci ha fatto toccare il cielo». [E.P.]

https://www.superabile.it/rivista-web/index?anno=2017&mese=04&pagina=29  

 

 

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.