IT.A.CÀccessibile - progetto

17 Apr
2018
La creazione della rete del turismo accesibile di Bologna è un’esperienza di grande valore perché ha dato vita a una serie di iniziative che hanno permesso alle realtà di conoscersi reciprocamente. “[…] Il turismo accessibile – sostiene IT.A.CÀ – è un tema molto sentito da noi del festival e vorremo continuare a sensibilizzare la società civile e le istituzioni riguardo alle esigenze delle persone disabili che percorrono ogni giorno il territorio metropolitano. Per declinare questo tema, così importante non solo in ambito turistico, ma anche al livello sociale e culturale, IT.A.CÀ organizzerà una serie di iniziative volte a promuovere, far emergere e valorizzare il lavoro portato avanti dalle realtà che operano nel mondo della disabilità.” Lo sviluppo di questa community bolognese del turismo accessibile, dalla quale è sorta IT.A.CÀccessibile, pone all’attenzione della cittadinanza e delle istituzioni il lavoro quotidiano delle associazioni e delle aziende che operano nell’ambito della disabilità ricevendo inoltre un buon riscontro dal pubblico stesso che ha preso parte e ha assistito alle attività realizzate. Per continuare il lavoro avviato, uno degli obiettivi che si propone IT.A.CÀccessibile è quello di far emergere le criticità relative alla fruizione della Città metropolitana di Bologna da parte dei cittadini e dei turisti disabili e di trovare, dialogando con le istituzioni, soluzioni per rendere la città maggiormente inclusiva, grazie all’organizzazione di inziative, eventi, convegni, seminari che permetteranno di affrontare quanto è venuto a galla, proponendo chiavi risolutive diverse, alternative. Il progetto ha ricevuto infatti un finanziamento di 4.000 euro messi a disposizione dal PTPL 2017 tramite il festival IT.A.CÀ, che prevede la realizzazione di appuntamenti volti al miglioramento della fruizione della Città metropolitana di Bologna da parte di tutti i city users: sia dei residenti che dei turisti. Un programma tutto dedicato alla promozione di questi appuntamenti che mettono in luce una città attenta alle esigenze dei suoi abitanti, dei cittadini e dei turisti che accoglie. Un lavoro che non si conclude con le iniziative proposte ma che pone al centro il concetto di disabilità come superamento dei limiti e, perché no, di confini di viaggio, naturali e avventurosi.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.