IL VIAGGIO DI ANDREA: A CAGLIARI UN'APP PERMETTE AI CIECHI DI MUOVERSI IN BUS

03 Mag
2018

Il video che partecipa al concorso è stato realizzato a marzo 2018 per la promozione della nuova release dell’applicazione Busfinder per ciechi e ipovedenti. Racconta la storia vera di Andrea, un ragazzo di ventisei anni che ha perso la vista all’età di dodici e che, grazie alla tecnologia ed al suo cane guida, vive una vita piena ed autonoma.

L'idea è nata dopo aver incontrato un gruppo di ciechi dell'UICI che doveva testare l'applicazione di CTM, l'azienda di trasporto pubblico dell’area vasta cagliaritana. Dopo aver raccolto le testimonianze e le esperienze di questi viaggiatori con esigenze particolari, l'Azienda ha pensato di impostare una campagna di comunicazione che, oltre a presentare l'app, contruibuisse a promuovere un'immagine positiva e lontana dagli stereotipi legati alle persone cieche e ipovedenti. In particolare, raccontando una giornata tipo di Andrea, si è voluto mostrare come le tecnologie e l'infomobilità possano migliorare la vita e l'autonomia di tutti i passeggeri, compresi quelli con disabilità.

Questo video sarà presentato ufficialmente a iugno 2018 in occasione di un convegno sulla accessibilità che CTM sta organizzando in collaborazione con l’Unione Italiana Ciechi.

Per la prima volta in Italia un’assistente di viaggio virtuale agevola l’utilizzo dei mezzi pubblici per non vedenti e ipovedenti.

L’Azienda di ha puntato sulle nuove tecnologie e sull’infomobilità, aspetti fondamentali per facilitare l’utilizzo dei bus e convincere i cittadini, anche quelli con disabilità, ad usare i mezzi CTM, mezzi nuovi, tecnologicamente avanzati, dotati di un sistema di abbassamento denominato kneeling e di pedana manuale per l’accesso a bordo. A bordo sono presenti i sistemi video per le informazioni e le indicazioni di prossima fermata.

Il tema sull’accessibilità è all’attenzione di tutte le Aziende di trasporto pubblico italiane anche grazie all’accordo sottoscritto da ASSTRA con FAND, la Federazione tra le Associazioni Nazionali delle persone con Disabilità e FISH, la Federazione Italiana per il Superamento dell’Handicap che collaborano a livello nazionale e locale al fine di favorire il diritto all’accessibilità, alla mobilità ed al trasporto delle persone con disabilità. Proprio con questa finalità del miglioramento della vita della persone con disabilità attraverso l’ausilio della tecnologia, CTM ha reso la propria app proprietaria accessibile anche alle persone cieche.

“L’importanza di essere autonomi”: è stata questa l’esigenza principale manifestata dal gruppo di persone non vedenti dell’Unione Italiana Ciechi della Sardegna chiamate a partecipare attivamente alla fase di testing dell’applicazione. L’Azienda ha raccolto questa sfida ed ha lavorato con l’obiettivo di trovare una soluzione che consentisse loro di utilizzare il mezzo pubblico in piena autonomia. Un lavoro congiunto per trovare una soluzione ad un problema che riguardava i passeggeri ciechi: non riuscire a sapere su quale autobus salire ed essere costretti a chiedere informazioni al conducente o alle persone che attendevano in fermata. Una volta saliti a bordo risultava poi difficile orientarsi sul percorso e capire a quale fermata scendere.
Usare l’app Busfinder è facile anche per chi si trova la prima volta ad utilizzare il trasporto pubblico nella città di Cagliari.
Un passeggero o un turista ipovedente o cieco ha garantite un’attenzione ed una sicurezza negli spostamenti in città mai avuta in precedenza. Già dal 2012 CTM ha creduto nello sviluppo di un’applicazione di infomobilità per smartphone, con la quale è stato reso possibile visualizzare le news sul servizio offerto, anche attraverso il social network twitter, verificare in tempo reale le previsioni di passaggio dei mezzi in fermata, calcolare il proprio percorso ed acquistare tutti i titoli di viaggio, anche gli abbonamenti integrati con gli altri vettori. Oggi l’app ha superato i 177.000 download ed è utilizzata dal 68% dei passeggeri al giorno. Un grande successo per una città come Cagliari!

A settembre 2017 CTM ha lanciato la nuova release sull’Appstore e Busfinder è stata resa accessibile alle persone cieche e ipovedenti.
In particolare Busfinder è stata ottimizzata per l’uso della sintesi vocale, associando etichette parlanti ai simboli grafici utilizzati, dando un significato testuale ai colori, eliminando il testo inutile che poteva creare disorientamento. Per la prima volta in Italia, sono state introdotte due importanti nuove funzionalità, la “Prenotazione fermata” e l’Assistente di viaggio”, per accompagnare il cieco dalla fase pre-viaggio fino alla destinazione. Per poter verificare l’efficacia di quanto progettato, la versione beta dell’app è stata testata da un gruppo di volontari ciechi e ipovedenti.
L’uso di queste funzionalità prevede l’attivazione dalle impostazioni del proprio smartphone del voice over per la sintesi vocale e della geo-localizzazione.
La funzionalità di "Prenotazione fermata" va incontro all’esigenza da parte del cieco di segnalare la propria presenza in fermata al conducente in arrivo sulla linea desiderata. Se il cieco si trova su una fermata nella quale transitano più linee, infatti, non riesce a capire se il mezzo in arrivo è quello interessato e non può segnalare all’autista (tramite il braccio sollevato) che desidera salire a bordo. Con la "Prenotazione fermata" il cieco in fermata è automaticamente localizzato tramite il GPS, può scegliere la linea interessata in transito alla fermata localizzata e inviare in modo automatico con un semplice click una e-mail alla sala operativa AVM (Automatic Vehicle Monitoring), che provvederà ad informare il conducente in arrivo della presenza di un non vedente in fermata.
La seconda funzionalità, chiamata "Assistente di viaggio", è stata appositamente progettata per fornire al cieco un assistente virtuale a bordo. In automatico l’applicazione rileva il punto di partenza sul percorso della linea e consente al non vedente di scegliere la fermata di destinazione. Tramite la sintesi vocale è quindi possibile sentire l’annuncio di prossima fermata e seguire il proprio percorso. Un messaggio vocale annuncia infine l’arrivo alla destinazione prescelta. Queste funzionalità, che rappresentano un importante elemento per il miglioramento dell’accessibilità alle informazioni ed al servizio, continueranno ad essere ulteriormente sviluppate nei prossimi mesi anche mediante la stretta collaborazione degli users finali.

Inoltre, all’interno della funzionalità dell’app Busfinder “lista linee” è possibile seguire l’intero percorso di ciascuna linea con il simbolo che segnala le fermate accessibili. Le fermate accessibili possono essere anche essere ricercate, grazie ad un’altra funzionalità presente nella sezione “Trova fermate”. Nella visualizzazione su mappa è stato anche inserito un pulsante che permette di vedere le fermate accessibili, secondo le varie tipologie (disabile con accompagnatore e senza accompagnatore). L’Azienda investe molto nella formazione di tutti i dipendenti ed in questo periodo si stanno svolgendo circa 1.100 ore di formazione sul tema “Accessibilità”. Per CTM è importante che il personale di contatto sviluppi un’ulteriore sensibilità sul tema, in modo da rendere quanto più confortevole possibile il viaggio dei passeggeri con disabilità nel momento in cui utilizzano il servizio. Si stanno attualmente tenendo specifici corsi per il personale di guida coinvolto in giornate formative, con modalità esperienziale e dal forte impatto emotivo grazie alla partecipazione di docenti e testimonianze provenienti dal mondo della disabilità. La campagna di comunicazione interna ed esterna ha previsto la realizzazione di due video che sono stati mostrati al personale CTM durante la formazione e sono stati promossi attraverso i canali istituzionali ed i canali social network.

Email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Video